“Allora io avevo quindici – sedici anni e capivo solo in parte il valore dell’attività di mia madre. Ripensandoci oggi, mi rendo conto che è stata una donna moderna per quei tempi e che ha avuto il coraggio di intraprendere un’iniziativa importante anche per la città, perché aveva impostato un’attività legata all’arte, campo che non era certo di grande impatto e diffusione presso la maggior parte delle persone”.

   “Dei tanti artisti che hanno poi esposto nella nostra galleria conserviamo anche alcune opere e soprattutto un ricordo indelebile, a iniziare da Foiso Fois che è stato colui che ha favorito questa attività di mia madre, che si è messa in contatto proprio con lui attraverso mio fratello; ma, oltre Foiso Fois, ne ricordiamo tanti altri: Carlo Contini, Antonio Corriga, Antonio Amore, Antonio Atza, Franco Bussu, Pinuccio Sciola, anche lui molto amico di mio fratello.

   Ne potrei citare tanti altri, come ad esempio Melchiorre Melis, che ha esposto più volte, e Rosanna Rossi con opere in collettiva”.

(Prof.ssa. Mariella Camarda – Intervista alla famiglia della gallerista Mariangela Pippia, 2023)