“A presenziare alle sue mostre andavo io. A volte è venuta anche lei, ma poche volte. Di solito andavo da solo. Ricordo una collettiva d’arte fatta nel centro storico di Villacidro, presso il lavatoio, nella quale Zia Veronica vinse il primo premio e l’opera fu acquistata dalla Regione Sardegna”.

Zia Veronica in un raro momento conviviale.

   “Poi, ancora, le mostre fatte a San Gavino, nella piazza centrale e presso il Comune, e tante altre. Sono numerosissimi i collezionisti sparsi nell’Isola, ad esempio una nota Dott.ssa di Sanluri possiede una ricchissima collezione di Zia Veronica, altre opere sono a Solarussa e nel circondario. A Cagliari ce ne sono tantissime. La mostra che ricordo meglio era quella fatta presso la galleria di Marinelli, La Nuova Dimensione, e ricordo una grande festa in suo onore in occasione di una mostra che si era conclusa con una cena conviviale a Maracalagonis con tanto di gruppo folk, canti e balli. C’erano opere al Caffè Torino, ma molte furono acquistate da noti avvocati dell’epoca”.

(Intervista a Franco Zoccheddu, 2022)