Quando Veronica Serra inizia a dipingere su masonite, la tavolozza è giocata su colori terrosi e sui toni complementari di verde e rosso, stesi a grandi campiture per definire sommariamente, ma in maniera efficace, personaggi e ambientazioni.

“Fiori”, (primi anni ‘60), olio su masonite, 50×50 cm. Collezione Paola Torre, Zeddiani.

   Le dominanti cromatiche mostrano già con chiarezza l’orientamento delle future scelte tematiche: i colori bruni indicano il legame con la terra e i valori ad essa collegati, il verde è la natura, da cui dipendono le sorti della comunità, mentre le tonalità di rosso esprimono il calore del paesaggio umano e sociale. Sono delle sperimentazioni in cui Zia Veronica imposta, da autodidatta, le proprie regole compositive, ma sono anche le opere più ricercate e rare, che ora conquistano per la loro immediatezza espressiva e, nel passato, meravigliavano e incuriosivano per la loro novità.

Flaminia Fanari – curatrice artistica